Archive for gennaio, 2009

Windows 7 – Scarica legalmente la Beta

Commenti disabilitati su Windows 7 – Scarica legalmente la Beta

Era già disponibile sulle reti p2p da tempo (diffuso in particolar modo con i file .torrent); adesso è Microsoft stessa a rilasciare la beta ufficialmente sul proprio sito

Steve Ballmer parla del nuovo Windows 7 come il miglior sistema operativo (ovviamente targato Microsoft) di sempre… il boot veloce, il minor consumo energetico sono i suoi punti di forza, con la promessa di prestazioni maggiori rispetto al Vista e una segnalazione degli errori ottimizzata

Windows 7, sarà un sistema mobile, che punta a collegare tutte i dispositivi elettronici per l’ intrattenimento, anche questa volta Microsoft pensa come sempre a un sistema operativo semplice adatto all’ utente medio, che permette di collegare dispositivi mobili al proprio pc in tutta tranquillità.

L’ accento è posto sulla semplicità della configurazione delle impostazioni di rete, e anche il multi-touch viene preso in forte considerazione

L’ Interfaccia grafica ha un aspetto sobrio e invitante, interessante la funzione JumpList che permette di vedere i documenti recenti creati con le applicazioni più usate

Se ve la sentite potete scaricare la beta gratuitamente e installarla subito sul vostro pc; basta che disponiate di un normale account .net Passport; per i meno ferrati un normale account di quelli che usate per Hotmail

Facebook – Cancella 10 amici per un panino

37 Comments

E’ incredibile… per farsi pubblicità le aziende si inventono di tutto… ma questa davvero penso che nessuno l’ avesse mai sentita… e Facebook a quanto pare stà diventando un terreno fertile per ogni sorta di diavoleria pubblicitaria

Burger King lancia la sfida… 10 amici cancellati in cambio di un Whooper, che a dire il vero io manco sò cosa sia… sicuramente un panino..

Ecco il testo in inglese dell’ iniziativa, non sò a dire il vero se in Italia è valido.. personalmente non ho mai visto sedi di BurgerKing qui

Interested in a free Burger King Whopper?

Good. I knew you were smart! Burger kings new marketing ploy requires you to delete 10 of you facebook friends in order to receive a promotional coupon for a free Whopper.

Check the link :http://www.whoppersacrifice.com/

I’m sure you don’t want to delete your friends though. You’ve cared for each other, and created bonds that will last a lifetime and other girly crap like that. Its ok, you dont need to make excuses. Deep down, we all need a little friendly loving. Thats why I’ve started the Whopper Sacrifice Network (WSN).

The WSN is dedicated to pairing you up with 10 random people to add as a friend, and then sacrifice into the evil depths of a capitalistic fast food establishment for the savory gift of a heavenly whopper*.

After joining the WSN, feel free to send a friend request to any 10 people with the following message:

“Sup fool. I would like to create a false pretense of a a misrepresented friendship, in order to take advantage of it, along with Burger King, to reap rewards for myself, and enjoy a delicious burger, all with the comfort of never feeling guilty for sacrificing a friend that I actually care for”

If you are a part of this group and you recieve the message above ** you must add them as a “friend”*** long enough for them to sacrifice you, and enjoy the tasty tasty death.

We also stress that you send an invitation to your friends in order to widen the sacrifice pool. Remember, the idea is to find people you’re not really friends with and don’t even know to sacrifice****

*They are not really that great
** Or similar variants as long as they are not indecent
*** They will not really be your friend. Your social life will be as devoid of relationships as it always was.
****Don’t add pedophiles

Lezioni di Flirt per i Nerd – Vecchi luoghi comuni che tornano

Commenti disabilitati su Lezioni di Flirt per i Nerd – Vecchi luoghi comuni che tornano

UNA VITA davanti al computer, occhiali scuri tenuti insieme da un giro di nastro adesivo, brufoli, qualche penna nel taschino protetta dal contenitore antimacchia e magari anche una camicia a quadrettoni.

Recita così l’ articolo della Repubblica; un modo simpatico per descrivere quei ragazzi particolarmente portati per le tecnologie informatiche; considerati dei geni del computer (spesso perchè hanno a che fare con gente che manco sà come collegare lo schermo al pc), e secondo i luoghi comuni sfortunatissimi quando hanno a che fare con l’ altro sesso.

L’ università di Postdam, in Germania, organizza per studenti di Ingegneria Informatica dei corsi per rimorchiare ragazze, di sicuro a voi suonerà strano… a me addirittura suona ridicolo…

E’ ridicolo che in un università di Informatica vengano organizzati corsi su come ottenere maggiori successi sessuali nella vita di tutti i giorni; nonostante ciò ben 440 studenti si sono già iscritti

C’ è chi giustifica però l’ iniziativa… un professore della Postdam, Hans-Joachim Allgaier, sostiene che sia importante anche aiutare gli studenti anche nel successo della loro vita privata… ed è proprio questa ipotesi che deve essere confutata; un università deve occuparsi del successo della vita professionale… la vita privata deve essere l’ individuo a gestirla da solo come meglio crede; sopratutto per quanto riguarda la sfera sessuale.

Attacchi Dos agli Smart-Phone

38 Comments

Dos è l’ abbreviazione di Denial Of Service, vale a dire negazione del servizio (come recita l’ enciclopedia libera Wikipedia)

I cellulari vulnerabili sono quelli con installato il sistema operativo Symbian, data l’ alta compatibilità di questo sistema con ogni qualsiasi voglia applicazione era prevedibile che prima o poi fossero ideati metodi per disturbare le linee degli utenti.

Gli attacchi in questione prevedono l’ invio di sms anomali alla vittima, al fine di impedire la ricezione di nuovi sms, la memoria si esaurisce e il cellulare pensa di ricevere continuamente nuovi messaggi, impedendo la ricezione di quelli normali

Gli attacchi in questione per ora sono di tipo diretto, vale a dire.. non usano vittime di terze parti, ma con l’ evolversi della tecnica molto probabilmente i lamer arriveranno a sfruttare servizi gratuiti e lancieranno sms da ogni computer creando così ben più complessi attacchi di DDOS (distributed denial of service)

Non sembra che ci sia per ora il rischio di intercettazione, difatti qui si parla solo di bloccare l’ accesso ad un servizio, insomma più che una minaccia di sicurezza vera e propria si può parlare di una seccatura

Arriva il Bancomat senza pin

37 Comments

Si chiama “contactless”, tradotto letteralmente nella nostra lingua, senza contatto; è la tecnologia che permette ai proprietari di bancomat di pagare beni e servizi senza digitare il codice segreto pin, semplicemente avvicinando la carta ad un lettore magnetico.

Per ora il sistema è stato adottato con successo in Gran Bretagna, Spagna, Turchia e Svizzera, con un limite di spesa di 10 sterline a volta (per prevenire furti ingenti di soldi a chiunque perda la carta); resta sempre il fatto che dopo un numero di giri per i negozi il sistema chiede comunque un codice segreto; sempre per evitare che l’ ipotetico ladro faccia il giro della città bevendo e mangiando a spese del titolare della carta.

Questa tecnologia permetterà a tutti di risparmiare minuti preziosi, in Italia arriverà entro l’ anno prossimo

Da oggi su Internet la mappa del crimine

38 Comments

Suscita stupore e interesse la nuova iniziativa inglese che permette ad ogni cittadino di scoprire le aree più disagiate; o meglio quelle aree della città in cui si verificano più crimini; dai semplici atti vandalici, ai furti, agli strupi.. ecc

Tutto il materiale si può trovare sul sito di BeatCrime dopo aver fatto richiesta alle autorità locali. C’ è chi teme che quest’ arma si ritorca contro allo stato e ai cittadini, i criminali potrebbero essere i primi a utilizzare queste mappe per individuare i punti più sensibili da colpire, un ottimo strumento insomma, per chi si affaccia al mondo del crimine organizzato e non.

Vi è poi l’ aspetto economico, le zone disagiate scenderanno ancor di più di valore, alcune agenzie immobiliari saranno costrette a vendere a prezzi più bassi le case.

In ogni caso l’ iniziativa è da ammirare per la maggiore trasparenza che viene offerta ai cittadini

La Mafia su Facebook – La situazione si fà pesante e pure ridicola

1 Comment

Devo dirlo in questi giorni mi stò dedicando all’ analisi del famoso Social Network, vuoi perchè è diventato un fenomeno di massa in pochi mesi, con ormai milioni di iscritti sia a livello nazionale che internazionale, oppure vuoi perchè ormai tutti ne parlano, e come ogni fenomeno di costume è interessante parlarne anche sul proprio blog.

L’ argomento che affronto oggi è il caso “Mafia”. Chi usa Facebook sà che è possibile aderire a certi gruppi che condividono interessi o obbiettivi, in gergo “Causes”; esistono gruppi animalisti (tutelano gli interessi ecologici della flora e della fauna); esistono gruppi politici (destra, sinistra, fan di politici), esistono i gruppi che tutti amiamo (W la topa, w la nutella ecc…), ed esistono anche i fan della Mafia.

Ovviamente abbiamo a che fare con dei semplici ignoranti, gente che non può nuocere a nessuno, gente che ha visto troppi film, vi pare che la Mafia si metta veramente su Facebook e recluti chiunque passa di lì per caso?

Ma passiamo ai dati statistici, ci sono 700 fans di Provenzano, un terzo di questi lo vuole santificare, lo batte sicuramente Totò Riina con i suoi 4500 fans, e non si contano i gruppi che inneggiano a Cosa Nostra o ai fenomeni mafiosi in generale.

La polizia postale stà indagando ed è probabile che arrivino denuncie, molte denuncie o poche non ci è dato saperlo; Diego Buso garantisce che fra i compiti della polizia postale c’ è anche quello della prevenzione al crimine via telematica.

Ma qui bisogna anche mettere l’ accento sull’ Apologia di reato, bisognerebbe fare qualcosa anche contro l’ apologia del fascismo come segnala il blog dell’ Ingegner Vincenzo Caico.

Ahimè come al solito il problema che potrebbe esser risolto con una banale richiesta di cancellazione a Facebook stà diventando in realtà un fenomeno mediatico, e già ci mettono bocca Sonia Alfano e l’ esponente dell’ UDC, Giampiero D’ Alia; dovremmo aspettare qualche settimana prima che il fenomeno venga risolto, giusto il tempo di diffondere la notizia e di ripeterla fino allo sfinimento per il gusto di dare spettacolo.

Nel frattempo nascono già i gruppi anti-mafia per contrastare il fenomeno…

No alla Mafia su Facebook

Fuori la mafia da Facebook

Facebook – I primi furti di Identità

Commenti disabilitati su Facebook – I primi furti di Identità

Forse qualcuno ricorderà il mio articolo del 4 Dicembre, nel quale sostenevo che chi è iscritto ai Social Network può essere soggetto a furti di identità… ma sopratutto in questi tempi.. chi non si iscrive da solo a Facebook è soggetto a furti di identità, volti a raccogliere informazioni personali e la maggior parte delle volte economicamente sensibili

Ebbene i casi si verificano veramente, lo ha provato sulla sua pelle il Professor Alberto Conci, cercando in rete l’ indirizzo email di una conoscente, ha scoperto che quest’ ultima già conosceva un “certo” Alberto Conci su Facebook, esplorando il Network si è accorto che sul network c’ erano le sue informazioni con tanto di foto caricate.

Un impostore, insomma stava parlando con i suoi conoscenti, la notizia è stata pubblicata sulla Repubblica, non ci è dato sapere che tipo di informazioni stesse cercando o se magari si trattava di uno scherzo; si capisce però il pericolo grave di questi attacchi all’ identità personale; se una persona riesce ad ispirare abbastanza fiducia nel suo interlocutore è possibile ottenere informazioni personali, password, contatti commerciali e non c’ è dubbio che qualche sprovveduto incomincerebbe a cedere informazioni sul proprio conto in banca.

Manca poco prima che i professionisti si mettano in azione, sinceramente penso che quello fatto al professore possa essere uno scherzo, causa plausibile dato che si tratta di un professore di un liceo e quindi con molti adolescenti; la polizia postale indagherà sull’ accaduto, capiremo presto se si tratta di un professionista o meno.

Maschera

Facebook con i regalini tira su 40 milioni di Dollari l’ anno

Commenti disabilitati su Facebook con i regalini tira su 40 milioni di Dollari l’ anno

Ebbene si è proprio incredibile, c’ è gente che sarebbe disposta a spendere soldi veri per regali virtuali sui Social Network.

Facebook non è il primo che ci pensa, già Badoo aveva inventato il servizio “Scala la vetta” e la famosa barra superiore per pubblicizzare i propri contatti, ma in quel caso si puntava sul desiderio dell’ utente di essere il più famoso del Net

Adesso invece si torna sulla politica dei regali, incredibile quanto sia redditizia questa politica commerciale. Facebook con questo sistema ottiene il 10% del fatturato totale; vi prego non cascateci anche voi, i soldi non sono virtuali c’ è da sudarseli e non è giusto buttarli via in qualcosa che non esiste

Buon 2009

29 Comments

Anche un altro anno è passato, sinceramente stò smaltendo una sbornia post-festeggiamenti e non mi sento di fare discorsi profondi poichè sò che al momento, almeno, non ne sarei capace 🙂

Mi limito ad augurare a tutti un felice anno nuovo