Archive for the ‘Generale’ Category

La scuola si informatizza – Arriva il Wi-Fi e altro

38 Comments

Dopo la pubblicazione di diversi dati scoraggianti circa la diffusione del wi-fi in Italia, specie nelle strutture educative, i ministeri dell’ istruzione e dell’ innovazione annunciano il progetto wi-fi nelle scuole del bel paese

Progetto che inizierà il prossimo 9 Maggio e entro la fine dell’ anno porterà la connessione a 14 mila scuole ad un costo totale di 10 milioni di euro (ben 714 € per ogni connessione, sarà un wi-fi di lusso)

Ma non finisce qui lo stato promette che si potranno utilizzare lavagne interattive multimediali, e integrare ogni scuola al portale Scuola Mia per fornire migliori servizi a famiglie e docenti..

Le convocazioni dei supplenti potranno avvenire via PEC (se funziona) o via SMS (se si connettono i server) risparmiando così altri 20 milioni di € per i telegrammi (ma quanti supplenti c’ abbiamo?)

Inizierà pure l’ era dei pagamenti online.

Nel complesso con l’ informatizzazione delle scuole (contando che ormai siamo nel 2011 ed è pure un pò tardino) lo stato potrà risparmiare 118 milioni di euro: con risparmi mirati sulle pagelle digitali, sui certificati digitali, sui registri elettronici e sulle iscrizioni e pagamenti online…

speriamo vadi tutto bene..

Censura – Tocca anche ai Simpson

42 Comments

Le conseguenze del terremoto giapponese, e i relativi incidenti nucleari di Fukushima hanno suscitato in tutto il mondo grande preoccupazione e sgomento..

Ma c’ è chi fra molti, non manca di farci sopra un pò di satira, per sottolineare quanto la sicurezza delle centrali non sia un argomento trascurabile..

Tutti conoscono i Simpson, il famoso cartone animato, che ha come protagonista Homer, un addetto alla sicurezza nella centrale nucleare di Springfield un pò troppo distratto.

In Austria, Svizzera e Germania (e si suppone anche l’ Italia) è stato deciso di sospendere quelli episodi della serie televisiva in cui la trama ha a che vedere con centrali atomiche o con l’ energia nucleare in genere.

Anche se censurare un cartone animato può essere vista come una mossa un pò esagerata, bisogna dire che in particolare due episodi dell’ ultima serie avevano a che fare con le radiazioni e con una fusione del nucleo del nocciolo.. in un episodio addirittura viene trasferita la centrale nucleare in un paese sottosviluppato e non mancano i riferimenti ai diritti sindacali dei lavoratori e molte altre cose che forse alla dittatura mediatica possono dare fastidio

Azienda – Cerca Sviluppatrici che lavorano nude

37 Comments

Di sicuro un opportunità di lavoro particolare quella della Nude House, un azienda di sviluppo web che cerca giovani sviluppatrici disposte a lavorare in ufficio nude…

L’ annuncio è stato rimosso, ma l’ azienda fà sapere di essere ancora in cerca, chi fosse interessata può inviare il curriculum nel sito dell’azienda

Chris Taylor sostiene che un ufficio in cui le dipendenti lavorano nude, non sia un incentivo alla produttività ma contribuisca un’ambiente di lavoro più rilassante

Italia.it – Il sito che brucia 10 milioni di € l’anno

30 Comments

Fondato nel Giugno del lontano 2004.. Italia.it prometteva di rilanciare l’ offerta turistica italiana, favorendo l’ incontro fra consumatori e servizi vari offerte dagli operatori turistici..

con un vantaggio economico sia per le imprese che per lo stato enorme… ma…stando ai dati…

Per ben 7 anni questo sito costa all’ erario quasi 10 milioni di € l’ anno fra aggiornamenti e manutenzioni, classico esempio di speculazione fiscale, una spesa per un sito come questo è semplicemente ridicola… non per niente il nome la dice lunga… Italia.it

A giudicare dai costi che questo semplice sito ha, vien da pensare all’ effettiva informatizzazione del nostro paese, e se questi sono i costi forse è meglio restare con la carta e la penna

Sendoid – La saetta del p2p

40 Comments

Sendoid è il nuovo programma dell’ altrettanto neonata azienda Caffeineted Mind, questo software promette di essere il p2p più veloce mai creato fino ad ora

A differenza di altri servizi, Sendoid non necessita di un server centrale e di nessuna autentificazione per inviare files.. l’utente vede in questo modo protetta la sua privacy, grazie anche a un tunnel cifrato a 128bit

Le stime parlano di file che in linea teorica di files di 100 Mega trasferiti in 40 secondi… esagerati?? Staremo a vedere.. di sicuro vale la pena di provarlo

Per ora è completamente gratuito, anche se non è escluso che in futuro alcune funzionalità siano a pagamento… rimane intanto lo scetticismo sull’ effettiva velocità del programmo che si ricorda dipende molto anche dalla propria connessione a banda larga

L’ Internet più veloce del mondo nasce a Pisa

41 Comments

QuattrocentoQuarantotto Gbit per secondo, questi straordinari risultati sono stati raggiunti dai ricercatori della Scuola Superiore Sant’ Anna di Pisa, con la collaborazione di Ericsson l’ Università di Pisa che già eccelle in molti altri ambiti tecnici da oggi vanta anche il primato della banda larga più veloce al mondo.

Per rendersi conto dell’ importanza di questi risultati, proviamo a quantificarli.. una stima approssimativa parla di una quantità di dati alternativamente pari a 20 film in alta definizione , 500 film in qualità standard, 22.500 collegamenti Adsl a 20 Mbit/s, 7 milioni di videochiamate o 100 milioni di telefonate standard e tutto questo in un solo secondo di tempo.

“Il sistema – conclude la nota della Scuola Superiore Sant’Annasarà testato, nei prossimi mesi, su segmenti di rete installati in tutto il mondo per poi diventare prodotto del portafoglio Ericsson e quindi essere impiegato nei maggiori sistemi di comunicazione su fibra ottica”

Cancellare i dati da una chiavetta Usb? Impossibile

38 Comments

Lo dimostrano i ricercatori dell’ Università di San Diego – California

A differenza degli Hard Disk tradizionali, i moderni supporti di memorizzazione flash e SSD non cancellano mai definitivamente i dati… neanche provando diversi algoritmi di riscrittura, numerose volte… le tracce resterebbero in maniera parziale sul dispositivo per lungo tempo e con appositi strumenti a disposizione di chi ne vuole usufruire..

Rischio per la privacy? Se avete la coscienza pulita non avete nulla da temere.. 🙂  ma non le gettate nel bidone dopo averle usate, per questi gioiellini l’ unico modo di distruggere i dati è quello fisico

Il costo giusto per un libro?? 99 centesimi – La morte degli editori

29 Comments

Ci sono molte differenze fra un libro cartaceo (formato classico) e uno elettronico (i cosidetti E-Book) ma una cosa in comune i due formati ce l’ hanno… e sembrerà incredibile ma è proprio il prezzo.

E dico incredibile, poichè è ovvio che per la versione digitale vengono risparmiati dalle case editrici un sacco di soldi, fra cui le spese per il ricavo del libraio, per i trasporti, per la stampa, è ovvio che si tratta di speculazione…

Ma se un libro costasse 0.99 centesimi, verrebbe acquistato di più?? Ovviamente in un libro conta anche la qualità, ma il lettore è più invogliato a spendere una cifra simile che piuttosto i classici 10 €

A provarlo c’ è uno scrittore che ha messo in vendita la sua opera “The List” lo scrittore indipendente Joe Konrath aveva messo in vendita il suo romanzo su Amazon a 2,99 $ riscendo a vendere 40 copie al giorno; dopo aver abbassato il prezzo le vendite sono decollate a 800 e i profitti ovviamente ne hanno risentito…

Di questi 99 centesimi circa 35 vanno a Konrath, le case editrice non offrono certo di più forse massimo 1 o 2 dollari e in Italia stiamo messi pure peggio (considerate che Internet ha un bacino d’ utenza molto più alto)… quindi questo sistema di vendita è vantaggioso sia per lo scrittore e tanto di più per il consumatore.

Il destino dell’ editoria è ormai segnato… o cambieranno sistema di produrre mirando più che alla qualità che al profitto o cesseranno d’ esistere

Scandalo per l’ applicazione che “cura” i gay

44 Comments

Exodus è un organizzazione, con sede in Florida; che predica a livello mondiale

“il messaggio della liberazione dall’omosessualità attraverso il potere di Gesù Cristo”

Non poche le proteste che ha ricevuto la Apple in questi giorni (che è responsabile direttamente delle applicazioni rilasciate) per un applicazione che promette di liberarsi dall’ omosessualità, descritta dall’ associazione come una terribile malattia.

E’ scandalo fra le associazioni che difendono i diritti e le pari opportunità degli omosessuali.

L’ applicazione in realtà non è nemmeno un programma vero e proprio, si limita a una copia del sito internet della Exodus la cui versione internazionale sembra essere al momento non raggiungibile

Le crescenti proteste potrebbero portare Apple a scusarsi con gli utenti, e sarebbe plausibile dato che l’ atto di far circolare quest’ applicazione rappresenti un atto discriminatorio di omofobia a livello mondiale



Da Windows 1.0 a Windows 7

47 Comments

In questo articolo posto un interessante video che dimostra l’ alto livello di retrocompatibilità di Windows

Utilizzando una macchina virtuale, Andrew Tait ha dapprima installato MS DOS 5.0 con Windows 1.0; aggiornando mano a mano il sistema a versioni superiori con tutti i sistemi operativi creati da Redmond negli ultimi anni

Tutti i sistemi provati con l’ eccezione di Windows ME, hanno dimostrato un elevato grado di retrocompatibilità con diversi programmi…

Per questo test sono stati utilizzati  in particolare due videogiochi famosi, come Doom 2 e Monkey Island

Sicuramente un esperimento interessante, dedicato ai nostalgici e ai geek più incalliti, ma anche a chi si interessa di tecnologie ormai superate ma non per questo meno affascinanti

Mod. 730 – Quest’anno si fà online

55 Comments

Continua l’avanzare della tecnologia in ambito produttivo e statale, fra le novità di quest’anno nell’ operazione “Zero Carta” sarà possibile pure inviare il modello 730 (utilizzato da dipendenti e pensionati)

Grazie alla circolare 14/E vengono definite le modalità per presentare telematicamente il modello unico della dichiarazione d’ imposta per usufruire di vantaggiose detrazioni, e percepire i bonus direttamente in busta paga

L’obiettivo, come dice il nome, è ridurre la quantità di carta utilizzata ogni anno e facilitare la gestione dei 730.  Si spera che questo nuovo strumento elimini inoltre la pesante gestione burocratica di tale pratica, altre informazioni possono essere trovatesul sito dell’Agenzia delle Entrate

Il cellulare che stampa i messaggi sulla pelle

35 Comments

Fantascienza?? No… semplicemente tecnologia e innovazione…

Per ora si chiama Skin Display e basa il suo funzionamento sulla tecnologia piezoelettrica, che permette di deformare un oggetto con l’ elettricità

Solo che qui non si parla di un oggetto ma della pelle umana…

Grazie a Skin Display non è più necessario estrarre il proprio BlackBerry: è sufficiente infilare la mano in tasca, afferrare lo smart-phone e poi osservarsi i polpastrelli, dove il testo sarà stato “stampato”.

Un invenzione molto utile durante le riunioni formali… e un utile arma per gli investigatori privati 🙂 tecnologia avanzata basata su semplici scariche elettrice

E il messaggio per quanto resta?

I ricercatori della RIM assicurano che la tecnica non è invasiva e il messaggio non è ovviamente indelebile, si tratta di una deformazione della pelle.. una specie di rughettina, che può essere eliminata semplicemente sfregando i polpastrelli

Qui un immagine

E qui il contatto dell’ ideatrice, Clara Vaggero

Tassa sugli abbonamenti illegittima – Chiedi il rimborso

38 Comments

Nel nostro paese, coloro che hanno un abbonamento mobile, che siano privati o aziende, devono pagare la tassa di concessione governativa.

Da pochi giorni però la Commissione regionale del Veneto ha riconosciuto l’ illegittimità di questa tassa, ed è possibile un rimborso per una tassa pagata ma non dovuta, risalendo fino a un periodo di 3 anni…

La Commissione si è rifatta al Codice delle Comunicazioni Elettroniche, entrato in vigore con il decreto legislativo n. 295/2003, che ha liberalizzato il mercato eliminando la necessità della concessione governativa, e quindi della tassa relativa.

La somma da percepire potrebbe non essere trascurabile, la tassa mensile per gli utenti privati è di 5,16 € (circa 10 mila Lire) per i bussiness invece ammonta a 12,91 €

Calcolato su 3 anni sono precisamente

  • 185,76 per i privati
  • 464,76 per le aziende o comunque i clienti bussiness

Per ottenere il rimborso è necessario inviare una lettera di diffida al proprio operatore, per maggiori informazioni trovate modelli già stampati sul sito dell’ Adoc

La lettera si intende raccomandata con ricevuta di ritorno, in cui dovete allegare pure la copia delle fatture e delle ricevute di pagamento… e dato che siete a tutti gli effetti creditori nei confronti dell’ azienda da voi scelta (ma è un procedimento lungo) potrete provare anche a chiedere gli interessi e una rivalutazione ISTAT (cioè calcolare anche gli effetti dell’ inflazione sul credito da voi maturato)

Ecco a voi il cellulare di Silvio

46 Comments

Forse siete ancora in tempo a chiamarlo.. anche se non ve lo consiglio perchè è attualmente sotto intercettazione e potreste rischiare brutti quarti d’ ora…

Ho il piacere di pubblicare ai miei pochi lettori, il numero personale del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi….

Unendo le 2 metà dei numeri che compaiono in alcuni documenti pubblicamente accessibili… mi riferisco in particolare il mezzo numero della escort Michael (che compaie nelle 389 pagine dell’ invito al processo dai Pm di Milano), e unendo il numero della seconda (ma non certo ultima) escort Nadia Macrì si ottiene il numero completo

335 1500 431

E il brutto della questione intera, è che questo numero non è stato scoperto con sofisticati metodi tecnologici, ma da documenti ufficiali.. è stato scoperto perchè il nostro premier è indiziato per prostituzione minorile..

Perchè non farci una chiaccherata?

Autista investe pupazzo di neve – Licenziato!

38 Comments

Un autista di pullman ha recentemente perso il posto di lavoro, non è chiaro se licenziato dall’azienda o dimesso per propria volontà…  il motivo è il brutale omicidio (o meglio pupazzicidio) di un pupazzo di neve

Come si può vedere dal video che ha scatenato tanta bufera in Internet, una macchina vede il pupazzo e devia… l’ autista del pullman invece cambia direzione, invade la corsia opposta e fà in mille pezzi il pupazzo di neve.

Dopo l’apparizione del video, l’ autista mortificato per quello che doveva essere una bravata innocente,  non si è più recato al lavoro, il responsabile dei trasporti locali decide di non commentare l’ accaduto