Proteggi il tuo Facebook – Attiva l’ Https

33 Comments

Dagli uffici di PaloAlto finalmente una funzione per aumentare la sicurezza dei nostri account Facebook. La connessione https differisce dalla normale http per il fatto di essere crittografata (la s infatti stà per Secure)

Attivando questa funzione tutte le pagine di Facebook (ad esclusione delle applicazioni create da terzi) saranno crittografate, rendendo più sicura l’ intera connessione.. al sicuro per esempio dai dati intercettati via Wireless di cui ci eravamo in passato precedentemente occupati in questo articolo (Craccare un account Facebook è un gioco da ragazzi – Ecco come fare)

L’ attivazione della funzione è banale, ma particolarmente consigliata a tutti per aumentare la sicurezza e tutelare la vostra privacy

All’ estrema destra dello schermo cliccate su Account e successivamente su Impostazioni Account nonchè su Protezione Account e a questo punto cliccate su Navigazione Protetta (https)

Da notare che questa funzione non è attivabile sulle connessioni mobili (cellulari, smart-phones ecc…) qui un link alla guida ufficiale di Facebook per ulteriori informazioni

Attivate la funzione e controllate che nella barra degli indirizzi sia presente la connessione cifrata.

Buona navigazione a tutti i lettori

facebook https

Cancellare i dati da una chiavetta Usb? Impossibile

38 Comments

Lo dimostrano i ricercatori dell’ Università di San Diego – California

A differenza degli Hard Disk tradizionali, i moderni supporti di memorizzazione flash e SSD non cancellano mai definitivamente i dati… neanche provando diversi algoritmi di riscrittura, numerose volte… le tracce resterebbero in maniera parziale sul dispositivo per lungo tempo e con appositi strumenti a disposizione di chi ne vuole usufruire..

Rischio per la privacy? Se avete la coscienza pulita non avete nulla da temere.. 🙂  ma non le gettate nel bidone dopo averle usate, per questi gioiellini l’ unico modo di distruggere i dati è quello fisico

Il costo giusto per un libro?? 99 centesimi – La morte degli editori

29 Comments

Ci sono molte differenze fra un libro cartaceo (formato classico) e uno elettronico (i cosidetti E-Book) ma una cosa in comune i due formati ce l’ hanno… e sembrerà incredibile ma è proprio il prezzo.

E dico incredibile, poichè è ovvio che per la versione digitale vengono risparmiati dalle case editrici un sacco di soldi, fra cui le spese per il ricavo del libraio, per i trasporti, per la stampa, è ovvio che si tratta di speculazione…

Ma se un libro costasse 0.99 centesimi, verrebbe acquistato di più?? Ovviamente in un libro conta anche la qualità, ma il lettore è più invogliato a spendere una cifra simile che piuttosto i classici 10 €

A provarlo c’ è uno scrittore che ha messo in vendita la sua opera “The List” lo scrittore indipendente Joe Konrath aveva messo in vendita il suo romanzo su Amazon a 2,99 $ riscendo a vendere 40 copie al giorno; dopo aver abbassato il prezzo le vendite sono decollate a 800 e i profitti ovviamente ne hanno risentito…

Di questi 99 centesimi circa 35 vanno a Konrath, le case editrice non offrono certo di più forse massimo 1 o 2 dollari e in Italia stiamo messi pure peggio (considerate che Internet ha un bacino d’ utenza molto più alto)… quindi questo sistema di vendita è vantaggioso sia per lo scrittore e tanto di più per il consumatore.

Il destino dell’ editoria è ormai segnato… o cambieranno sistema di produrre mirando più che alla qualità che al profitto o cesseranno d’ esistere

Scandalo per l’ applicazione che “cura” i gay

44 Comments

Exodus è un organizzazione, con sede in Florida; che predica a livello mondiale

“il messaggio della liberazione dall’omosessualità attraverso il potere di Gesù Cristo”

Non poche le proteste che ha ricevuto la Apple in questi giorni (che è responsabile direttamente delle applicazioni rilasciate) per un applicazione che promette di liberarsi dall’ omosessualità, descritta dall’ associazione come una terribile malattia.

E’ scandalo fra le associazioni che difendono i diritti e le pari opportunità degli omosessuali.

L’ applicazione in realtà non è nemmeno un programma vero e proprio, si limita a una copia del sito internet della Exodus la cui versione internazionale sembra essere al momento non raggiungibile

Le crescenti proteste potrebbero portare Apple a scusarsi con gli utenti, e sarebbe plausibile dato che l’ atto di far circolare quest’ applicazione rappresenti un atto discriminatorio di omofobia a livello mondiale



Da Windows 1.0 a Windows 7

47 Comments

In questo articolo posto un interessante video che dimostra l’ alto livello di retrocompatibilità di Windows

Utilizzando una macchina virtuale, Andrew Tait ha dapprima installato MS DOS 5.0 con Windows 1.0; aggiornando mano a mano il sistema a versioni superiori con tutti i sistemi operativi creati da Redmond negli ultimi anni

Tutti i sistemi provati con l’ eccezione di Windows ME, hanno dimostrato un elevato grado di retrocompatibilità con diversi programmi…

Per questo test sono stati utilizzati  in particolare due videogiochi famosi, come Doom 2 e Monkey Island

Sicuramente un esperimento interessante, dedicato ai nostalgici e ai geek più incalliti, ma anche a chi si interessa di tecnologie ormai superate ma non per questo meno affascinanti

Mod. 730 – Quest’anno si fà online

55 Comments

Continua l’avanzare della tecnologia in ambito produttivo e statale, fra le novità di quest’anno nell’ operazione “Zero Carta” sarà possibile pure inviare il modello 730 (utilizzato da dipendenti e pensionati)

Grazie alla circolare 14/E vengono definite le modalità per presentare telematicamente il modello unico della dichiarazione d’ imposta per usufruire di vantaggiose detrazioni, e percepire i bonus direttamente in busta paga

L’obiettivo, come dice il nome, è ridurre la quantità di carta utilizzata ogni anno e facilitare la gestione dei 730.  Si spera che questo nuovo strumento elimini inoltre la pesante gestione burocratica di tale pratica, altre informazioni possono essere trovatesul sito dell’Agenzia delle Entrate

Il cellulare che stampa i messaggi sulla pelle

35 Comments

Fantascienza?? No… semplicemente tecnologia e innovazione…

Per ora si chiama Skin Display e basa il suo funzionamento sulla tecnologia piezoelettrica, che permette di deformare un oggetto con l’ elettricità

Solo che qui non si parla di un oggetto ma della pelle umana…

Grazie a Skin Display non è più necessario estrarre il proprio BlackBerry: è sufficiente infilare la mano in tasca, afferrare lo smart-phone e poi osservarsi i polpastrelli, dove il testo sarà stato “stampato”.

Un invenzione molto utile durante le riunioni formali… e un utile arma per gli investigatori privati 🙂 tecnologia avanzata basata su semplici scariche elettrice

E il messaggio per quanto resta?

I ricercatori della RIM assicurano che la tecnica non è invasiva e il messaggio non è ovviamente indelebile, si tratta di una deformazione della pelle.. una specie di rughettina, che può essere eliminata semplicemente sfregando i polpastrelli

Qui un immagine

E qui il contatto dell’ ideatrice, Clara Vaggero

Tassa sugli abbonamenti illegittima – Chiedi il rimborso

38 Comments

Nel nostro paese, coloro che hanno un abbonamento mobile, che siano privati o aziende, devono pagare la tassa di concessione governativa.

Da pochi giorni però la Commissione regionale del Veneto ha riconosciuto l’ illegittimità di questa tassa, ed è possibile un rimborso per una tassa pagata ma non dovuta, risalendo fino a un periodo di 3 anni…

La Commissione si è rifatta al Codice delle Comunicazioni Elettroniche, entrato in vigore con il decreto legislativo n. 295/2003, che ha liberalizzato il mercato eliminando la necessità della concessione governativa, e quindi della tassa relativa.

La somma da percepire potrebbe non essere trascurabile, la tassa mensile per gli utenti privati è di 5,16 € (circa 10 mila Lire) per i bussiness invece ammonta a 12,91 €

Calcolato su 3 anni sono precisamente

  • 185,76 per i privati
  • 464,76 per le aziende o comunque i clienti bussiness

Per ottenere il rimborso è necessario inviare una lettera di diffida al proprio operatore, per maggiori informazioni trovate modelli già stampati sul sito dell’ Adoc

La lettera si intende raccomandata con ricevuta di ritorno, in cui dovete allegare pure la copia delle fatture e delle ricevute di pagamento… e dato che siete a tutti gli effetti creditori nei confronti dell’ azienda da voi scelta (ma è un procedimento lungo) potrete provare anche a chiedere gli interessi e una rivalutazione ISTAT (cioè calcolare anche gli effetti dell’ inflazione sul credito da voi maturato)

TrapCall – Vuoi sapere chi ti chiama con il privato?

36 Comments

Quante volte qualcuno di voi ha ricevuto una chiamata anonima sul cellulare? I più ingenui penseranno a qualche ex che ha voglia di sentire la vostra voce… passiamo al lato pratico… aziende fasulle che propongono stages non retribuiti come (ehm non facciamo nomi và) o altri innumerevoli esempi che potrei elencarvi…

Dite la verità… non avreste una gran voglia di vedere quel numero e vendicarvi? Non vi fanno incazzare questi scherzi idioti?? Da adesso ne avete l’ opportunità…

Occorenti.. un cellulare fra Android, BlackBerry e Iphone…

Il funzionamento è semplice e efficace.. in America i numeri verdi dispongono di un servizio (che esiste anche in Italia ma ha costi onerosi) che si chiama Override, che svela l’ identità dei numeri privati, la chiamata di un privato  viene indirizzata dal vostro cellulare a un numero verde predisposto che vi rimanda diligentemente l’ id di chi vi ha chiamato… immaginate lo stupore del burlone quando vedrà che qualcuno lo stà richiamando.

Violazione della privacy? Dipende da come la vedete… non vi sembra una violazione della privacy che qualcuno vi chiama al cellulare e voi non sapete manco chi è? Magari è qualcuno che vi perseguita.. o magari siete curiosi di sapere chi è che bussa alla vostra porta senza la cortesia di mostrare il viso dall’ occhiello

TrapCall

1,2,3 Spoof… un soffio e ti rubo l’ identità!! (Chiamare con altri numeri)

35 Comments

Un giocattolo pericoloso, una magia, un incanto della tecnologia, un pericoloso strumento capace di creare danni di immagine incalcolabile…. Uno strumento per effettura chiamate in modo che al destinatario appaia qualsiasi numero

In gergo tecnico ID-Caller Spoffing;  il numero di telefono è quello che rintraccia la persona fisica, al vostro numero è associata la vostra identità… chiunque può rintracciarvi… a meno che…

Voi non usiate il numero di un altro… uno strumento del genere che effetti avrebbe nelle mani sbagliate? Possiamo ad esempio penetrare senza problemi in segreterie telefoniche… chiamare il brocker di fiducia della vittima e rovinarlo in borsa… o se siete sentimentali, scoprire tradimenti fingendovi madre, amico, amante, date sfogo alla fantasia insomma….

Con uno strumento del genere… vi sentito Dio… e al contempo così impotenti poichè ahime potreste essere vittime del giochino…

Una carta… una semplice carta… Spoof Card per ulteriori informazioni e costi del servizio (ah già ovviamente pagavo ma aspettavo la fine dell’ articolo) vi invito a visitare il sito ufficiale

Ecco a voi il cellulare di Silvio

46 Comments

Forse siete ancora in tempo a chiamarlo.. anche se non ve lo consiglio perchè è attualmente sotto intercettazione e potreste rischiare brutti quarti d’ ora…

Ho il piacere di pubblicare ai miei pochi lettori, il numero personale del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi….

Unendo le 2 metà dei numeri che compaiono in alcuni documenti pubblicamente accessibili… mi riferisco in particolare il mezzo numero della escort Michael (che compaie nelle 389 pagine dell’ invito al processo dai Pm di Milano), e unendo il numero della seconda (ma non certo ultima) escort Nadia Macrì si ottiene il numero completo

335 1500 431

E il brutto della questione intera, è che questo numero non è stato scoperto con sofisticati metodi tecnologici, ma da documenti ufficiali.. è stato scoperto perchè il nostro premier è indiziato per prostituzione minorile..

Perchè non farci una chiaccherata?

Autista investe pupazzo di neve – Licenziato!

38 Comments

Un autista di pullman ha recentemente perso il posto di lavoro, non è chiaro se licenziato dall’azienda o dimesso per propria volontà…  il motivo è il brutale omicidio (o meglio pupazzicidio) di un pupazzo di neve

Come si può vedere dal video che ha scatenato tanta bufera in Internet, una macchina vede il pupazzo e devia… l’ autista del pullman invece cambia direzione, invade la corsia opposta e fà in mille pezzi il pupazzo di neve.

Dopo l’apparizione del video, l’ autista mortificato per quello che doveva essere una bravata innocente,  non si è più recato al lavoro, il responsabile dei trasporti locali decide di non commentare l’ accaduto

Apple fà causa ad utente insoddisfatto

33 Comments

Il dottor Papadimitriadis, un medico grego, si è rivolto all’ assistenza Apple più vicina per lamentarsi di alcune zone scure sullo schermo; gli è stata eseguita una pulizia completa.

Al termine della quale però sono apparse nuovamente delle macchie d’ umidità,  la System Graph a quel punto propone di sostituire il pannello LCD, operazione che però sarebbe costata una settimana di lavoro, e quindi l’ impossibilità di usare il prodotto per una settimana.

Il cliente spazientito ha invocato la sostituzione del prodotto (art. 540 del codice civile greco). System Graph ha rifiutato, poichè in effetti quell’ articolo non era stato venduto in quel negozio.

L’ utente rattristato ha raccontato la sua vicenda su un forum, Apple l’ ha scoperto e lo ha denunciato per diffamazione chiedendo un risarcimento di 200 mila €

Inutile dire che con questo comportamento la Apple (a prescindere dal fatto che le ragioni del cliente siano più o meno buone) ha perso tantissima reputazione, non tanto per lo schermo difettoso ma per aver fatto causa a un cliente insoddisfatto, adesso ci saranno meno persone che avranno il coraggio di lamentarsi dei prodotti Apple, e forse anche meno persone disposte a comperarli

Mangia un carciofo intero e fà causa al ristorante

37 Comments

Si sentono a volte, notizie strane in giro per il mondo, ma questa è proprio particolare, al confine tra comico e ridicolo 🙂

Protagonista della vicenda, l’ Houston Restaurant di Miami e un suo cliente poco avvezzo con la verdura, che di origine cubana dichiara di non aver mai visto un carciofo e non si è preoccupato di sbucciarlo..

Ingerendo il carciofo intero ha mangiato anche le spine lamentandosi di dolori addominali molto forti causati dai resti non commestibili del carciofo che hanno intasato l’ intestino tenue del malcapitato…

Il cliente ha chiamato il suo avvocato e insieme hanno intentato causa al ristorante poichè si doveva avvisare sulla corretta consumazione del carciofo.

Il titolare, sulle prime rimane stupito e poi assolutamente contrariato

“E poi? Dovremo mettere un avvertimento sul menu, avvisando di non mangiare le ossa quando si ordinano delle costine?”



IPhone & Android – La privacy non esiste

33 Comments

La notizia è attendibile, e nonostante i sospetti ci siano sempre stati; stavolta il dubbio che IPhone e Android violino la nostra privacy si è trasformato in certezza…

A confermarlo niente di meno che il Wall Street Journal; moltissime applicazioni (circa il 56%) vende dati a società di mercato, e se questo non vi turba, sappiate che viene anche spedito il vostro IMEI (identità del cellulare) e la vostra posizione esatta con una precizione che è a dir poco millimetrica 🙂

Fra le più pericolose spicca Pandora, il software invia dati a ben 8 società esterna e rivela username, password, rubrica telefonica, età e sesso dell’ utente, IMEI e posizione a intervalli regolari.

Come avrete ben capito è il caso di alzare la guardia, e dubitare delle applicazioni che non godono di buona fama, informarsi sempre sui rischi e possibilmente installare meno applicazioni possibili… il Grande Fratello è sempre in ascolto